Publications

Looking for REF-E publications

Home  » Pubblications

Downloads and Publications

 

Newsletter Osservatorio Energia Year XIX n. 206

Published on: 01-27-2017

in this issue: Gas naturale

  • Rigassificazione in Italia: limiti e opportunità dell’attuale proposta regolatoria. Il conferimento agli utenti della capacità di rigassificazione basato su regole di accesso prioritario e pro-quota non è più adeguato all’attuale contesto di mercato, da qui la proposta dell’Autorità di introdurre procedure concorsuali per l’allocazione della capacità stessa. Il prospetto di un meccanismo ad asta è, in linea di principio, un notevole passo in avanti: se opportunamente disegnato, esso consentirebbe, a operatori e consumatori, di cogliere le nuove opportunità derivanti dall’evoluzione del mercato italiano e globale del gas. Tuttavia l’auction design proposto mostra, al momento, alcuni punti che potrebbero limitarne il market appeal e il risultato delle aste stesse.
  • Regolazione tariffaria distribuzione gas: 2016 chiuso tra conferme e novità. Il 2016 ha portato con sé importanti novità per la regolazione tariffaria della distribuzione. La revisione infra-periodo si è chiusa con la conferma degli attuali livelli di x-factor da applicare agli OPEX di distribuzione, mentre le principali decisioni relative ai parametri sulla misura, sono state rimandate in attesa degli esiti di opportuni approfondimenti. Confermato anche il passaggio a un metodo di valutazione dei nuovi investimenti per la distribuzione basato su costi standard, da applicarsi a partire dall’anno tariffario 2019. Le suddette revisioni inizieranno a produrre il grosso dei loro effetti a ridosso della fine dell’attuale periodo regolatorio, lasciando gli operatori in un clima di incertezza, già alimentata dalla storia infinita delle gare gas.
  • Gli incentivi al biometano prendono la strada del trasporto. Il fallimento della normativa per l’incentivazione dell’immissione in rete del biometano ha spinto a una revisione profonda dei meccanismi previsti. La bozza di decreto ministeriale sull’incentivazione del biometano ridisegna i meccanismi di sostegno finanziario di due delle tre modalità di impiego, ossia l’immissione in rete con destinazione nel settore del trasporto e quella senza specifica destinazione, indirizzando i produttori quasi inevitabilmente verso la prima, opzione che favorisce il perseguimento degli obiettivi al 2020 di consumo di energia rinnovabile nel trasporto, unico settore rispetto a cui i dati mostrano un sensibile ritardo a livello nazionale.
Energia e Trasporti
  • Combustibili alternativi: nuovi spazi di mercato per elettricità e gas naturale . L’attuazione della direttiva sui combustibili alternativi potrebbe avere un rilevante impatto nel settore dei trasporti, con importanti benefici ambientali e l’apertura di nuovi spazi di mercato per il gas naturale e l’elettricità. Per conseguire gli obiettivi del Quadro Strategico Nazionale è necessaria una valutazione globale degli impatti sul settore dei trasporti come base di una efficace governance istituzionale dell’intervento pubblico che coinvolge molti attori, sia a livello nazionale che locale.
Mercato elettrico
  • Riforma del mercato elettrico: due possibili innovazioni rivoluzionarie. Gli orientamenti espressi dall’Autorità nell’ambito della riforma di MI (negoziazione continua, gate closure a ridosso del tempo reale e offerte di portafoglio), così come quelli riguardanti il dispacciamento (abilitazione volontaria su MSD e revisione della definizione del segno e del prezzo di sbilanciamento) incrementano la complessità del disegno di mercato e sembrano scarsamente coordinati perché ci si vuole avvicinare al framework europeo mantenendo alcune peculiarità italiane, tra cui il central dispatching.

Newsletter Osservatorio Energia Year XVIII n. 200

Published on: 06-29-2016

In this issue: Mercato elettrico

  • La riforma del dispacciamento e dei prezzi di sbilanciamento. Più di 80 operatori saranno stimolati a partecipare a MSD con nuove opportunità ma anche nuovi rischi: le flessibilità introdotte (partecipazione attiva a tutti i mercati, anche in forma aggregata) si scontrano con alcune rigidità (aggregati prefissati, sessioni discrete di mi, gate closure lontano dal tempo reale). le ricadute sugli operatori vanno valutate caso per caso, e dipendono anche dall’evoluzione dello scenario di mercato.
  • Perchè la riforma degli oneri generali di sistema elettrico? . I primi orientamenti dell’autorità discendono da un contesto legislativo che non fissa obiettivi chiari, ma tuttavia aprono alla possibilità di ampie modifiche rispetto allo status quo: l’intervento sembra prestarsi a un elevato numero di ricorsi e non va nella direzione di semplificare il quadro complessivo. Una revisione congiunta della struttura degli OGS e delle agevolazioni degli energivori potrebbe invece portare a un sistema di aliquote regressive per i soggetti che ne hanno diritto, nel rispetto delle linee guida comunitarie.
  • Fine della tutela di prezzo: il caso della Francia. Il sistema di assegnazione dei clienti tramite aste, non dissimile dalla salvaguardia italiana, prevede l’obbligo di socializzare i disincentivi introdotti: una soluzione innovativa e replicabile, ma che sembra aver ridotto la contendibilità del mercato.
Gas naturale
  • Antitrust e gare d’ambito: poche possibilità per il processo di M&A. L’AGCM sembra orientata a un approccio piuttosto rigido nei confronti delle operazioni di M&A che portano anche solo piccoli vantaggi agli operatori incumbent, seguendo come unico criterio la massimizzazione dei potenziali partecipanti alle singole gare: questo atteggiamento potrebbe però favorire la riduzione degli operatori a livello nazionale, ampliare le perdite di efficienza dovute all’uscita di molti distributori, e ridurre infine la competitività complessiva dei procedimenti.
  • Monitoraggio gare gas
  • Indicatori
  • Indici Itec e Magi
  • Newsletter Osservatorio Energia Year XVIII n. 198

    Published on: 04-29-2016

    In this issue: Mercato elettrico

    • Segnali contraddittori per l’Italia dall’indagine sui meccanismi di capacità. La Commissione Europea valuta positivamente il modello delle reliability options su cui si basa il capacity market italiano, ma vanno superate la mancata partecipazione diretta di demand-response e risorse cross-border, così come l’assenza di una valutazione preliminare dell’adeguatezza legata a un criterio legalmente vincolante..
    • Rilanciata l'interconnessione con la Tunisia, ma rinviati diversi interventi prioritari. I nuovi scenari di Terna incorporano il rilancio del progetto di interconnessione con la Tunisia ma ritardano diversi interventi prioritari e mantengono invariata l’evoluzione dei limiti di scambio fra le zone. La domanda elettrica dello scenario base torna ad incorporare tassi di crescita positiva mentre è più conservativa la stima della futura capacità eolica e fotovoltaica. La riduzione attesa delle emissioni di CO2 risulta anche da una massimizzazione di fatto degli scambi commerciali sulle interconnessioni estere.
    • Politica industriale: a rischio le misure a riduzione del costo dell'elettricità. Alla luce delle linee guida UE sugli aiuti di Stato, sicuramente gli aiuti per energivori e generazione distribuita dovranno limitarsi alla componente A3, ma molti altri aspetti sono ancora oggetto di contrattazione tra Governo e Commissione Europea.
    Energie rinnovabili, efficienza e ambiente Gas naturale
    • Monitoraggio Gare gas. I contenziosi si arricchiscono di un nuovo capitolo. Il TAR del Friuli Venezia Giulia ha respinto il ricorso presentato da Italgas per chiedere l’annullamento del bando della gara nell’ATEM di Udine 1, quindi la procedura per la presentazione del formulario di prequalifica resta valida.
    Indicatori Indice Itec Progetto Magi

    Newsletter Osservatorio Energia Year XVIII n. 197

    Published on: 03-22-2016

    In this issue: Mercato elettrico

    • La riforma organica e complessa del mercato elettrico. La riforma del mercato elettrico che è stata intrapresa dall’Autorità è sicuramente molto complessa, sia per la numerosità delle tematiche affrontate, sia per la valutazione dei potenziali effetti che interesseranno il mercato e gli operatori che vi operano. Per analizzare un quadro così complesso è necessaria una valutazione approfondita basata su un’analisi costi-benefici che si avvalga di modelli adeguati.
    Gas naturale
    • Il servizio integrato di rigassificazione e stoccaggio all’asta. Le nuove modalità di allocazione del servizio integrato di rigassificazione e stoccaggio, pensato per i grandi consumatori industriali ma fino a oggi mai utilizzato, potrebbero consentire l’accesso a tariffe negoziate anche per la fase di rigassificazione, aprendo nuove opportunità. L’appetibilità di questo servizio è però minata da numerose incertezze che ancora non sono state risolte e che potrebbero portare a un suo parziale conferimento.
    • Monitoraggio Gare gas. Il nuovo riscadenzamento dei termini per la pubblicazione dei bandi e l’eliminazione delle sanzioni stabilite dal Milleproroghe hanno portato a una battuta di arresto del processo di effettuazione delle gare. Tale stop è stato rilevato dall’Autorità e dall’Antitrust che propongono di definire misure per razionalizzare e semplificare gli iter procedurali, di reintrodurre meccanismi sanzionatori in caso di mancato rispetto delle tempistiche e delle procedure per la pubblicazione dei bandi e di eliminare le restrizioni alla partecipazione in ATI.
    Indicatori Indice Itec Progetto Magi

    Newsletter Osservatorio Energia Year XVIII n. 196

    Published on: 02-29-2016

    In this issue: Mercato elettrico

    • Il meccanismo di capacità francese sotto la lente europea. I primi risultati della valutazione della Commissione Europea circa la compatibilità tra il meccanismo di capacity obligation francese e la normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato sembrano presentare diversi spunti rilevanti anche dal punto di vista italiano. La necessità di una partecipazione diretta sia della demand-response, sia della capacità cross-border, la non distorsione delle rendite di congestione delle interconnessioni e la necessità che il valore della capacità tenda automaticamente a zero in caso di adeguatezza della capacità stessa, emergono come elementi necessari per la Commissione Europea nel disegno di qualsiasi meccanismo di remunerazione della capacità.
    • Box – Simulare il capacity market: la nuova App REF-E
    Energie rinnovabili ed efficienza
    • Nuovo Conto Termico: basteranno le novità per aumentarne l’efficacia?. Le modifiche apportate alla regolazione del Conto Termico mirano a rendere il meccanismo più attrattivo, visti i risultati deludenti ottenuti finora. La semplificazione, l’aumento del livello di incentivazione e la diversificazione tra diverse tecnologie sono le direttrici che hanno guidato l’aggiornamento. Tuttavia, la coesistenza con un sistema di detrazioni fiscali per il risparmio energetico, la cui aliquota rimarrà al 65% anche per quest’anno, e le tempistiche per l’effettiva entrata in operatività potrebbero limitare la portata delle modifiche, in termini di maggior appetibilità del meccanismo, anche per il 2016.
    • Box – Strategia per il riscaldamento e il raffreddamento: l’approccio “soft” della UE.
    Gas naturale
  • Monitoraggio gare gas
  • Indicatori Indice Itec Progetto MAGI

    Newsletter Osservatorio Energia Year XVI n. 175

    Published on: 03-28-2014

    In this issue: Energie rinnovabili e clima

  • La norma “spalmaincentivi”: pochi effetti attesi. La convenienza per gli operatori dipenderà dalla rimodulazione dell’incentivo, ma sconti rilevanti saranno attrattivi solo per impianti già vicini alla fine del periodo di incentivazione, con poco impatto quindi per la spesa dei consumatori/finanziatori. Più importante invece potrebbe essere il blocco degli incentivi sui rifacimenti.
  • Obiettivi ambiziosi e poco mercato nel nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti dell’Emilia Romagna. Prevenzione e recupero di materia, flussi residui sottratti al mercato per ottimizzare l’impiego dei termovalorizzatori: dovrebbero essere queste le ricette per raggiungere una gestione efficiente.
  • Market news. Il backloading ha preso il via, ma il prezzo degli EUA rimane stabile, in attesa delle decisioni sulla politica per il clima di lungo periodo. CEC tutto a mercato nel 2014.
  • Mercato elettrico
  • Market news. Le condizioni climatiche continuano a deprimere la domanda elettrica, così il prezzo scende ai minimi storici, in Italia come sulle altre borse europee.
  • Il mercato dei combustibili. La crisi ucraina non sembra per il momento influenzare il mercato petrolifero che ormai da alcuni mesi registra quotazioni stabili e volatilità molto bassa. Lo scenario di domanda e offerta rimane disteso.
  • Gas naturale
  • Market news. Mentre i fondamentali rimangono negativi, ancora molte le novità regolatorie: cambiano leggermente i prezzi in tutela per il prossimo AT (non ancora definiti in alcune parti) e partono le allocazioni di stoccaggio, con prodotti e regole innovativi.
  • Mercato unico europeo
  • Novità dall’Europa. Proseguono le attività di ENTSO-G per lo sviluppo del codice di rete per l’armonizzazione delle strutture tariffarie della trasmissione, per l’emendamento al CAM sulla capacità aggiuntiva, e per le regole sullo scambio dei dati. Intanto, i regolatori europei riaprono la discussione sul modello di mercato
  • Indice itec Progetto magi

    Newsletter Osservatorio Energia Year XV n. 163

    Published on: 02-27-2013

    In this issue: Mercato unico europeo

  • Contro-flusso e aste di capacità ai punti d’interconnessione: l’Europa apre i colli di bottiglia. Il contro-flusso in direzione nord sul gasdotto Transitgas-TENP prende forma, l’allocazione della capacità è già in corso per alcune tratte mentre in Italia necessari adeguamenti alla rete: tutto dovrebbe essere pronto nel 2017.
  • Aggiornamento sui codici europei. In arrivo le linee guida sulle tariffe gas, consultazione sulle norme europee per la regolazione di frequenza e riserve elettriche, pronta la bozza su pianificazione operativa e programmazione dei sistemi elettrici europei.
  • Energie rinnovabili e clima
  • Il mercato ETS nella terza fase: aree di rischio. La Commissione Europea e gli Stati membri diversi dall’Italia sono intervenuti per aumentare la sicurezza del sistema ETS, che era stata violata nel periodo 2010-2011. Nel nostro paese la disarmonizzazione fiscale potrebbe consentire ancora frodi durante la Terza Fase, che potrebbero interessare anche volumi cospicui dato l’aumento delle quote messe all’asta.
  • Tariffe dedicate per le pompe di calore. Le “tariffe specifiche” per le pompe di calore che l’AEEG determinerà entro marzo dovrebbero essere disegnate in modo da non disincentivare i maggiori consumi che l’impiego degli apparecchi comporta.
  • Scambio sul posto, V Conto Energia e detrazioni fiscali: gli incentivi a supporto del fotovoltaico. Incentivi al FV agli sgoccioli. Scambio sul posto e detrazioni l’opzione più vantaggiosa per i piccoli, per le taglie maggiori conviene il Conto Energia. Incertezza sul post-incentivi.
  • Market news. Sul mercato ETS il voto a favore del backloading della Commissione Ambiente non dà un segnale forte per la ripresa dei prezzi, ma evita la loro caduta. I prezzi di borsa dei CV 2012 si sono riportati sopra quota 80 €/MWh
  • . Gas Naturale
  • La riforma della tariffa di vendita gas. Le nuove proposte introducono una maggiore gradualità, ma il rischio è quello di una “iper” regolazione che allontani dal mercato libero. Rimandata la definizione delle assicurazioni.
  • Rivoluzione per lo stoccaggio. Stoccaggio di modulazione ridotto e allocato con asta per oltre un terzo dei volumi, spazio allocabile con procedura competitiva anche per chi non fornisce clienti tutelati e volumi riservati a industriali e terminali GNL, ma l’A.S. 13/14 è a rischio sotto allocazione.
  • Market news. Inversione per lo spread PSV-TTF: l’hub italiano per la prima volta è più economico di quello olandese, aiutato forse anche da una domanda di gas in continua flessione. Da aprile nuova QE: più peso al mercato spot.
  • Mercato elettrico.
  • Market news. Continua il calo di domanda e produzione, primo stop per il fotovoltaico. In discesa il PUN e i prezzi delle altre borse europee.
  • Il mercato dei combustibili. La crescita degli indici azionari continua a guidare il mercato petrolifero, mentre il prezzo del carbone rimane basso anche a causa del crollo dei costi di trasporto.
  • Indice Itec Progetto Magi