Pubblicazioni

Ricerca tra le pubblicazioni di REF-E

Home  » Pubblicazioni

Download e ricerca delle pubblicazioni

 

Energy Outlook n.1 - Anno I

Pubblicato il: 25-02-2016

In questo numero: EXECUTIVE SUMMARY
I DRIVER DI MERCATO E I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO

  • Scenario macroeconomico e prezzo del petrolio
  • Ulteriori fattori di rischio
CAPITOLO 1. OUTLOOK PER IL MERCATO ELETTRICO
  • I costi di produzione
  • I fondamentali di domanda e offerta
  • L’impatto dell’economia e delle variabili regolatorie
  • Il dettaglio delle previsioni per mese, fascia e zona
CAPITOLO 2 - OUTLOOK PER IL MERCATO GAS
  • La domanda
  • L’offerta
  • I prezzi
APPROFONDIMENTO 1 - Scenari alternativi di Brent e condizioni macroeconomiche
APPROFONDIMENTO 2 - Lo sviluppo della generazione rinnovabile e la variabilità nella producibilità delle fonti
APPROFONDIMENTO 3 - Il contatore GSE e le prospettive di sviluppo di nuova capacità incentivata
APPROFONDIMENTO 4 - Impatto su PUN e costi di generazione della riforma del conferimento della capacità di trasporto gas
APPENDICE I - TABELLE DI SINTESI
APPENDICE 2 - INFRASTRUTTURE GAS

Natural Gas Outlook - Anno VII - Numero 12 - Novembre 2015

Pubblicato il: 10-11-2015

In questo numero: Previsioni

  • Domanda. Lo scenario macroeconomico in ripresa dovrebbe stimolare l’aumento della domanda gas, che rimarrebbe comunque sotto i 70 Gmc. Il contributo del settore termoelettrico è modesto ma la crescente volatilità delle importazioni elettriche, output idroelettrico e temperature allarga la forbice di previsione..
  • Offerta. L’eventuale entrata di Snam Rete Gas nell’azionariato di TAP potrebbe velocizzare i lavori, ma la soluzione delle dispute locali sembra ancora lontana. Nel frattempo la prospettiva di un nuovo hub del gas per l’Europa sembra spostarsi a Nord.
  • Prezzi Nei prossimi mesi eccesso di offerta e domanda stagnante possono aggravare ulteriormente la riduzione dei prezzi al PSV e al TTF, rendendo improbabili spike, anche con basse temperature invernali. Nemmeno le ipotesi più ottimistiche di ripresa del Brent potranno sostenere le quotazioni prima dell’estate 2016.
Approfondimenti 1. Il pricing del gas sul mercato retail: sempre più hub indexation e prezzo fisso 2. Biometano: una nuova risorsa nazionale 3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno VII - Numero 11 - Giugno 2015

Pubblicato il: 29-06-2015

In questo numero: Previsioni

  • Domanda. Nonostante condizioni meteo più vicine alla media, la domanda dell’AT14 rimane debole (crescita inferiore al 2% su questo anno termico) anche se il trend di ripresa, guidato prevalentemente da temperature e piovosità, potrebbe riportare i consumi vicini ai 70 Gmc per il prossimo anno termico.
  • Offerta. Il governo ha preso la decisione finale sul TAP, propedeutica all’autorizzazione unica. Continua invece lo stallo degli iter autorizzativi per i progetti di stoccaggio in attesa di capire gli effetti della delibera che definisce gli incentivi per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di capacità di punta.
  • Prezzi. Si prospetta uno scenario di mercato “del compratore”: alti livelli di scorte, prezzo di importazione in calo, maggiore disponibilità di GNL in Europa e fine delle tensioni sull’import russo porterebbero i prezzi sotto i 24 €cent/mc nel AT15. Il PSV dovrebbe allinearsi maggiormente ai mercati esteri per effetto dello spostamento a valle degli oneri all’entry e dell’applicazione dei codici di rete europei.
Approfondimenti 1. Stoccaggio e sicurezza dell’offerta 2. Il nuovo modello di bilanciamento europeo: presupposti e rischi 3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno VI - Numero 10 - Dicembre 2014

Pubblicato il: 01-12-2014

In questo numero: Previsioni

  • Domanda. Con la stagnazione economica, la crescita delle rinnovabili potrebbe essere compensata dalla minor idraulicità; ciò, insieme alla normalizzazione della domanda civile, consentirebbe una temporanea ripresa dei consumi. Il clima è il principale fattore di rischio di breve, ma è improbabile che la domanda ritorni stabilmente sopra i 70 Gmc.
  • Offerta . Le recenti disposizioni legislative potrebbero ravvivare gli investimenti in infrastrutture e produzione, ma il quadro degli incentivi rimane incerto e le decisioni di investimento per lo più sospese.
  • Prezzi . L’inizio dell’inverno ha allentato le tensioni e si prospettano quotazioni deboli grazie alle abbondanti riserve in stoccaggio, al perdurare dell’eccesso di offerta, alla riduzione dei costi di importazione e all’abbondanza di GNL in Europa. L’Italia rimane tuttavia più esposta al rischio sicurezza rispetto all’Europa Continentale, spiegando il premio del PSV.
Approfondimenti
1. Il mercato globale del GNL . Cambiano gli equilibri del mercato mondiale del GNL, che dopo il 2015 potrebbe diventare lungo, portando a una maggiore liquidità spot, una più marcata convergenza dei prezzi gas mondiali e a flussi verso l’Europa più abbondanti che nel recente passato.
2. Il GNL come combustibile ecologico per l’autotrazione . Tra i servizi alternativi alla tradizionale importazione di carichi che i terminali di rigassificazione possono intraprendere per diversificare il proprio business c’è quello di rifornimento di veicoli alimentati a gas naturale liquefatto.
3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno VI - Numero 9 - Aprile 2014

Pubblicato il: 01-04-2014

In questo numero:
Previsioni

  • Domanda. Sembra non avere fine la continua discesa della domanda gas: stavolta sono le condizioni di temperature e piovosità eccezionali a spiegare l’andamento ma dopo l’estate la ripresa è possibile.
  • Offerta . La decisione finale di investimento per il corridoio Sud incontra opposizioni locali mentre procedono i lavori per il South Stream, in attesa di un accordo che contempli il rispetto dei principi comunitari per la tratta europea.
  • Prezzi . Prezzi ai minimi per la prossima estate, depressi dalla domanda debole, ma per l’inverno pesa l’aumento degli oneri. Lo spread stagionale aumenta, mentre rimane contenuto quello con gli altri mercati europei.
Approfondimenti

    1. La variabilità giornaliera dei prelievi gas nei mercati europei. L’Italia e i principali mercati del gas dell’Europa Nord Occidentale si ritrovano ad affrontare la sfida di una volatilità crescente dei prelievi giornalieri dalle reti.
    2. Crisi russa e sicurezza dell’offerta: alcuni scenari. Tutti gli indicatori inducono a una certa tranquillità, tuttavia il nervo scoperto rimane la punta del sistema mentre le conseguenze economiche di eventuali razionamenti dalla Russia potrebbero essere elevate
    3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno V - Numero 8 - Novembre 2013

Pubblicato il: 28-11-2013

In questo numero: Previsioni

  • Domanda. Il prossimo anno potrebbe tornare ad aumentare il consumo di gas, grazie alla ripresa degli utilizzi per generazione elettrica, resa possibile solo a fronte di un rientro su valori in media storica della producibilità idroelettrica ed eolica e alla conferma delle previsioni di leggero miglioramento della situazione economica./li>
  • Offerta. TAP sarà ufficialmente il vettore del gas azero con l’Europa e dovrebbe essere imminente la decisione finale di investimento, a valle di un complesso procedimento che ha portato alla definizione delle regole di accesso e tariffarie; avviati contestualmente i lavori onshore per South Stream, mente lato GNL si attende a giorni l’avvio commerciale di OLT.
  • Prezzi . A fronte di preoccupazioni contenute sulla probabilità di scarsità di offerta nei mesi invernali, le previsioni di prezzo indicano sostanziale stabilità per i prossimi mesi, con spread contenuti sia stagionali sia rispetto al TTF; possibili aumenti degli oneri sui volumi immessi in rete.
Approfondimenti
1. La flessibilità dei cicli combinati e la domanda di gas del settore power. La maggior flessibilità operativa richiesta agli impianti di produzione a gas non sembra aver ridotto l’efficienza media del parco: ne beneficiano gli operatori e il sistema elettrico in generale, ma non la domanda gas.
2. Gas pricing: Verso l’abbandono dell’indicizzazione al petrolio? L’indicizzazione dei contratti long term ai prodotti petroliferi è messa in crisi dalla caduta del prezzo spot, ma fortemente difesa dai produttori. Prende invece sempre più piede l’indicizzazione agli hub, che sarebbero però ancora poco affidabili secondo i sostenitori dell’oil-indexation: sarà una transizione forzata?
3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno V - Numero 7 - Giugno 2013

Pubblicato il: 11-06-2013

In questo numero: Previsioni

  • Domanda
    In un contesto di debolezza della domanda, i consumi sono sempre più volatili; particolare preoccupazione desta l’impatto della produzione solare nell’estate e i primi segnali di debolezza anche per la richiesta delle reti di distribuzione.
  • Offerta
    Il contesto è sempre più difficile per gli investimenti: il nuovo terminale di rigassificazione OLT dovrebbe partire a inizio AT13, il mercato del GNL subisce la contrazione della richiesta europea e ancora una elevata rigidità contrattuale.
  • Prezzi
    In estate PSV stabile ai livelli di equilibrio raggiunti nella seconda metà del 2012, in leggera ripresa con l’inizio del prossimo AT. Spread con il TTF sotto i 2 €/MWh e la sotto-allocazione dello stoccaggio non causa tensioni di prezzo.
Approfondimenti

    1. L’importanza dello stoccaggio. A fronte del primo caso di sotto-allocazione dello stoccaggio, legato a limitate performance di flessibilità, allo spread stagionale contenuto, alla crescita del mercato spot e a una riforma che ha reso il servizio meno appetibile, future crisi gas e tensioni di prezzo sono poco probabili. Con una riduzione di offerta però la sicurezza alla punta è a rischio.
    2. Quale valore per la capacità di importazione con prezzi spot allineati?. Nonostante l’allineamento fra il prezzo medio sul mercato italiano e i prezzi sui principali hub europei il valore della capacità di importazione di lungo termine continua a essere positivo in termini probabilistici.
    3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno IV - Numero 6 - Dicembre 2012

Pubblicato il: 05-12-2012

In questo numero: Previsioni

  • Domanda
    Continua nell’AT12 la diminuzione della domanda a tassi vicini a quelli degli ultimi anni.
  • Offerta
    Incertezze regolatorie, oltre che di mercato, per le nuove infrastrutture.
  • Prezzi
    Prezzi spot e indicizzati ancora lontani, spread con TTF in aumento solo nei mesi invernali..
Approfondimenti
    1. Ricontrattazioni: chi vince e chi perde. Previsti in aumento i volumi oggetto di rinegoziazione, così come gli effetti su costi di importazione e su ricavi delle major, con effetti non sempre positivi. 2. Il futuro del gas nei segmenti “non power. Debolezze degli strumenti proposti, fenomeni congiunturali, nuove tecnologie non del tutto mature: la sostituzione del gas per riscaldamento sarà lenta, anche nello scenario SEN. 3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno IV - Numero 5 - Giugno 2012

Pubblicato il: 13-06-2012

In questo numero: Lo scenario previsivo

  • Domanda
    Il settore termoelettrico è il maggiore responsabile della recessione della domanda nell’AT11. Per il futuro, nello scenario di riferimento i consumi totali sono in leggera contrazione, con pochi margini di crescita per prelievi industriali e il gas che rimane un combustibile poco concorrenziale.
  • Offerta
    Cambiamenti societari nel trasporto: il fondo GIP compra azioni di Transitgas, in Snam Cdp sostituisce ENI. Avanza la selezione tra progetti: fornitura azera via Corridoio Sud a TAP e non a ITGI, decisione finale su Galsi entro il 2012, autorizzati i terminali di Falconara e Gioia Tauro, frenate per Brindisi e Zaule. Ridotto per la prima volta lo stoccaggio strategico ma nel AT12 nuovi volumi solo per il decreto stoccaggi.
  • Prezzi
    Picco per i prezzi al PSV nel prossimo inverno e poi decisa discesa. Differenziale con i mercati europei al di sotto della media degli ultimi anni, grazie a minor controllo di ENI e migliore allocazione della capacità sui gasdotti. La moderata crescita della Gas Release prosegue dopo il 2013 solo nello scenario High, mentre le formule indicizzate scendono nell’AT13 negli scenari Reference e Low.
Approfondimenti
    1. Il mercato del GNL 2. Paesi produttori: Norvegia 3. Nuove infrastrutture

Natural Gas Outlook - Anno III - Numero 4 – Novembre 2011

Pubblicato il: 08-11-2011

In questo numero: Lo scenario previsivo

  • Domanda
    Per l’AT11 si prevede una domanda italiana di gas naturale intorno a 81 Gmc, valore sostanzialmente stabile rispetto all’anno termico passato (+0.5%), complice il deterioramento dello scenario congiunturale dell’economia. Rispetto all’AT10, l’unico settore in crescita è quello della generazione termoelettrica che però mostra ancora un andamento turbolento, con un valore pre-consuntivo per l’AT10 inferiore alle attese. Le quantità di gas domandate dalla grande industria sono previste in calo (-3.8%), mentre la domanda proveniente dalla rete di distribuzione vede una sostanziale stasi (-0.4%). La maggior componente di variabilità della stima di domanda rimane legata alle variabili del mercato elettrico sottostanti il consumo delle centrali.
  • Offerta
    Gli elementi rilevanti dal lato dell’offerta sono: la riapertura del gasdotto Greenstream a ottobre 2011, sebbene con capacità ridotta per i primi mesi, i passi avanti nell’iter dei progetti di nuovi gasdotti e le novità per le infrastrutture GNL: i terminali di Falconara e Porto Empedocle sono giunti alla fine del processo di autorizzazione. Si avvicina il completamento di OLT Offshore e sono buone le prospettive di avanzamento dei progetti legati al “decreto stoccaggi”.
  • Prezzi
    Le previsioni di REF indicano per l’AT11 prezzi al PSV in crescita in tutti gli scenari rispetto alla media dell’AT10, in conseguenza principalmente dell’impatto dei rialzi delle quotazioni petrolifere lungo l’anno termico appena concluso. La crescita tuttavia si attenua o si inverte di segno nella stagione estiva in tutti gli scenari, anche in conseguenza del tipico calo stagionale della domanda. La media sull’anno termico dei prezzi previsti per il PSV è di 37.1 €cent/mc nello scenario High, che combina ipotesi di Brent elevato con alta domanda, 32.4 €cent/mc nello scenario Reference e 30.4 €cent/mc nello scenario Low.
Approfondimenti
    1. Il boom delle ricontrattazioni nelle forniture internazionali di gas 2. Paesi produttori: la Russia 3. Nuove infrastrutture