PPA Committee

Home

La via italiana al Renewables PPA


PPA Committee: conoscere, discutere, approfondire, proporre
Anche in Europa, seguendo una tendenza sempre più diffusa a livello mondiale, si sta assistendo a un significativo sviluppo dei Corporate Renewables Power Purchase Agreements (PPA), contratti di approvvigionamento di energia elettrica di lungo periodo fra produttori di energia rinnovabile e imprese.
I PPA consentono agli operatori lato generazione di ottenere modelli di finanziamento degli impianti rinnovabili senza incentivi e ai consumatori di diversificare le strategie di approvvigionamento energetico in modo competitivo e sostenibile.
I PPA, agevolando la bancabilità della produzione elettrica rinnovabile in condizioni di market parity, si rivelano uno strumento fondamentale per la realizzazione degli obiettivi energetico-climatici al 2030, come confermato dalla proposta del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC), pubblicata nei giorni scorsi e inviata alla Commissione Europea dal Governo.


Quale è la sostenibilità dei PPA nello specifico contesto di mercato italiano?
REF-E, società di consulenza specializzata nei mercati energetici e Public Affairs Advisors, società di consulenza nelle relazioni istituzionali, in collaborazione con lo studio legale internazionale Paul Hastings, hanno dato vita al PPA Committee, un network di alto profilo fra imprese, pensato per approfondire, discutere e promuovere la via italiana allo sviluppo dei PPA.
Il PPA Committee si pone l’obiettivo di analizzare in modo oggettivo ed approfondito le numerose questioni di natura giuridica, regolatoria, di mercato, tecnica, tecnologica e organizzativa, che si intrecciano dal punto di vista delle numerosissime controparti interessate: investitori, produttori, venditori, traders, fornitori, consumatori, finanziatori, enti assicurativi, e molteplici altri.


Perché un PPA Committee italiano?

Il PPA Committee propone un confronto costruttivo fra gli operatori, le cui esigenze sono differenti ma sinergiche:
  • i grandi consumatori di energia intendono ottenere una maggiore stabilità dei prezzi dell’energia, e realizzare e comunicare una scelta green
  • i produttori di energia puntano a stabilizzare i ricavi dei nuovi progetti in market parity
  • i player finanziari necessitano di chiarezza normativa e regolatoria
  • gli investitori ricercano nuove opportunità di business.
e mira a divenire un riferimento per chi in Italia intende operare nel mercato dei PPA in Italia e vuole approfondire i rischi e le opportunità connesse alla specificità dell’organizzazione, della struttura e dei trend del mercato, del tessuto industriale, del contesto normativo, regolatorio, contabile e fiscale.
Il lavoro promosso dal PPA Committee vuole concretizzarsi in un contributo utile e proattivo per la realizzazione efficiente e tempestiva degli obiettivi delle politiche energetiche nel nostro paese.


Il percorso del PPA Committee

Obiettivo del lavoro di ricerca del PPA Committee è quello di accrescere la conoscenza sul tema da parte degli attori coinvolti, attraverso la condivisione, guidata dagli esperti indipendenti di REF-E, PAA e Paul Hastings, delle questioni di diversa natura e delle possibili soluzioni.
La costruzione di un percorso comune e condiviso, nonché soddisfacente per tutti gli attori del mercato, è lo scopo precipuo del Comitato.
Il percorso del PPA Committee si svolgerà attraverso un ciclo di meeting:
  • Tavola rotonda iniziale (tenutasi lo scorso 24 gennaio)
  • 4 Seminari tematici riservati ai partecipanti, in cui si approfondiranno le questioni contrattuali e regolatorie, i rischi di diversa natura, le esperienze internazionali, le proposte oggetto del dibattito pubblico
  • Convegno pubblico finale (giugno-luglio 2019) in cui sarà presentato il Report finale e condiviso sulle “Linee Guida ai PPA in Italia

Al PPA Committee partecipa un significativo panel di imprese di diversa natura, rappresentativo di operatori con posizioni di mercato e strategie differenti: produttori rinnovabili e sviluppatori, operatori integrati, consumatori e grandi consumatori, trader, operatori finanziari, technology e service provider.